Eco by Naty

ECO BY NATY

Naty nasce nel 1994 con la determinazione di ridurre l’impatto negativo sull’ambiente e rappresentare un’alternativa sana, facendo sempre del proprio meglio per minimizzare i danni alla nostra salute e al nostro ecosistema. Naty ha sottoposto volontariamente i propri prodotti a ispezioni ambientali severe e rigorose, ma anche se stessa e i suoi fornitori a controlli indipendenti, risultando sempre rispettosi delle numerose e severe condizioni imposte per la salvaguardia dell’ambiente.

Quello di Naty per la protezione dell’ambiente è un impegno a lungo termine, con l’intenzione di donare alla generazione attuale nonché a quelle future la possibilità di vivere in armonia con la natura. A tale scopo, Naty si impegna costantemente a:

  • usare le più moderne materie prime rinnovabili.
  • ricavare la cellulosa da legno proveniente da silvicoltura sostenibile, per cui il numero di alberi piantati è superiore a quello di piante abbattute.
  • effettuare il processo di candeggiamento senza cloro.
  • evitare l’utilizzo di prodotti chimici o componenti SVHC (Articolo 33(2) del regolamento REACH), sostanze altamente nocive.
  • evitare l’utilizzo di sostanze dannose per la salute umana e l’ambiente.
    • evitare l’impiego di ftalati, stannani (MBT, DBT, TBT), metalli pesanti, cloro (CI), formaldeide (HCHO), colofonia, azopigmenti, PVC e altre sostanze chimiche o composti riconosciuti come irritanti o sensibilizzanti.
  • rispettare severe condizioni durante le fasi di produzione.
  • realizzare i pannolini Naty by Nature Babycare con i più nuovi ed efficaci macchinari.
  • rispettare severe condizioni circa il consumo delle risorse.
  • evitare l’utilizzo di prodotti chimici durante le fasi di produzione.
  • evitare l’impiego di sbiancanti ottici, lozioni per la cura della pelle, profumi, oli essenziali ed eliminatori di odori.
  • impiegare un cuore assorbente senza SAP appositamente ideato dai propri ricercatori.
  • confezionare e distribuire i propri prodotti riducendo gli scarti e l’uso di combustibili.
  • impegnarsi ad utilizzare sempre materiale naturale per tutti i tipi di imballaggi.
  • confezionare e distribuire i propri prodotti riducendo gli scarti e l’uso di combustibili.
  • rendere i propri prodotti e il loro imballaggio smaltibili attraverso riciclaggio, incenerimento o compostaggio.
  • creare prodotti facilmente smantellabili per permettere ad alcuni componenti di essere riciclati e/o compostati.